Dal piave ai sibillini: articolo di giornale

In bici dal Piave ai Sibillini: a chi finiscono i fondi raccolti?

I progetti che abbiamo deciso di sostenere

Nel viaggio in bici dal Piave ai Sibillini, ormai purtroppo concluso, abbiamo raccolto fondi, sia online che di persona, da destinare alle aree terremotate.

Questa è la nostra prima esperienza di raccolta fondi, ed inizialmente eravamo quindi timorosi: credevamo di riuscire a raccogliere poche centinaia di euro.

Siamo riusciti invece a raccoglierne molti di più! Ecco perché, durante il viaggio, abbiamo deciso di cercare anche un secondo progetto a cui destinare i fondi raccolti oltre a quello di Visso.

Visso: una ludoteca per bambini

Progetto ludoteca di Visso

La struttura sarà realizzata con tecniche di bioedilizia: il progetto è già realizzato e l’area di costruzione è già stata individuata. A questo progetto partecipa il gruppo “Irriducibili di Visso”, che fin da subito sono rimasti a vivere in roulotte nella zona degli impianti sportivi pur di non abbandonare il proprio paese, e che noi abbiamo conosciuto personalmente.

La ludoteca è solo il primo dei vari progetti che l’associazione ha già in mente, è quello che verrà realizzato più velocemente. Per la raccolta fondi si sono organizzati con la vendita di gadget con il brand Visso, come magliette, bandane, borse.

Riferimenti: http://www.visso.org/

Vallato di San Ginesio: un agrinido nella natura

Franco e Federica dell'agrinido di San Ginesio

L’agrinido nella natura è un progetto avviato nel 2012 dalla società agricola semplice “La Quercia della Memoria”. Un bellissimo luogo in cui far crescere i propri bambini, da 1 a 6 anni, immersi nella natura: non è forse questo il modo migliore di imparare a conoscere il mondo in cui viviamo anziché scoprirlo da schermi chiusi all’interno di una stanza?

Ci sono bambini che non hanno mai visto un orto, una capra, un asino, un maiale. Le educatrici poi sfruttano tutte le occasioni offerte dalla natura per stimolare i piccoli alla curiosità, all’esplorazione, all’immaginazione.

Il progetto, ideato e sviluppato da Franco e Federica, supportato da Regione Marche e dal WWF, è talmente bello che i genitori degli ormai numerosi bambini che lo frequentano o che vogliono frequentarlo si sono organizzati fin dai primi giorni dopo il terremoto per raccogliere fondi con varie iniziative, tra cui la vendita di quaderni, calamite o semplicemente spiegando alle persone l’importanza di questo progetto.

La struttura avviata nel 2012 è infatti inagibile. Per il 2017 è stato possibile continuare l’agrinido riorganizzando gli spazi esterni e stando al sicuro nella grande yurta che è stata acquistata con le prime donazioni ricevute.

Ora, in accordo con le istituzioni pubbliche, c’è la possibilità di ricostruire l’agrinido in un terreno adiacente: fino ad ora è stata raggiunta circa la metà della somma necessaria all’acquisto del terreno.

Riferimenti: http://www.querciadellamemoria.it/agrinido-della-natura.html

Fondi raccolti nel viaggio

Durante il viaggio siamo riusciti a raccogliere 1037,15€.

Vi sembra una piccola cifra?
Se pensate che è la nostra prima esperienza di raccolta fondi alla quale hanno aderito 85 persone non è male!

E se queste 85 persone diventassero 200? Noi ci crediamo, specie ora che abbiamo avuto modo di descrivervi i progetti ai quali sono destinati i fondi. E allora forza, fate una donazione online!

Tutti i soldi raccolti nel viaggio (e anche un po’ di più) sono già stati versati ai due progetti.

Bonifico delle donazioni

La raccolta fondi non finisce qui

Se avete già donato, se ci avete conosciuto nel viaggio, se non ci avete conosciuto di persona ma ci avete seguito in facebook, se siete finiti qui per caso ma vi abbiamo ispirato fiducia, vi chiediamo un favore:
Aiutateci a valorizzare questi progetti, condividetelo con i vostri amici.

Se volete vivere una bellissima esperienza con splendide persone vi consigliamo di mettervi in gioco, come abbiamo fatto noi.

Trasformare una vacanza in qualcosa di utile anche per gli altri è più semplice di quanto si pensi!

Rispondi